Prima Pagina Politica| Cronaca| Attualità| Cultura e spettacolo| Sport| Rubriche| Eventi e appuntamenti| Media|
Calcio
domenica, 10 marzo 2013 ore 20:18
L'Ischia vince a Monopoli, scatenando un mare di polemiche

Nonostante il rigore e l’impegno di Strambelli, finisce con un secco 2 a 1 per la capolista, la 26^ Giornata di Campionato Nazionale Serie D Girone H al “Vito Simone Veneziani”


 

 

Monopoli – Una vittoria servita fredda, fortemente contestata dalla tifoseria biancoverde, ma dedicata ad Alfredo Francescon, l’ex giocatore 23enne del Barano Calcio che questa mattina ha perso la vita in un incidente stradale ed al conducente della vettura, il 20enne Giuseppe Ferrandino (figlio del Sindaco di Ischia, Giosi Ferrandino, ndr), ora ricoverato al “Rizzoli”, quella perpetrata dall’Ischia Isolaverde a danni dell’SS Monospolis in questo big match disputatosi durante una soleggiata domenica di marzo sul casalingo campo in erba naturale del “Vito Simone Veneziani” e valevole per la 26^ Giornata di Campionato Nazionale Serie D Girone H.
Sin da subito, infatti, gli isolani si erano resi pericolosi siglando il goal del vantaggio al 9’, grazie ad un destro di Masini, ma il Monopoli ha ben dosato le proprie energie, dimostrando di saper giocare a calcio.
Soltanto nella ripresa, però viene atterrato il cecchino biancoverde, Sergio De Tommaso, distintosi in uno spettacolare dribbling che regala il rigore alla formazione allenata dal Mister castellanese, Claudio De Luca.
Corre il 23’ ed è il centrocampista biancoverde, Nicola Strambelli, vincitore morale di questa partita che ha sapientemente calibrato il gioco: «Doveva solo partire all’inizio per pressare – spiega l’allenatore biancoverde – Avevamo preparato la partita in questo modo: Strambelli doveva allargarsi per far buttare dentro Montaldi e De Tommaso, perché non avendo una prima punta non aveva senso far giocare né Montaldi, né De Tommaso, né Strambelli li e buttare palloni davanti… Lui doveva allargarsi e fare quello che ha fatto per tutta la partita, così non dava punti di riferimento – in seguito - ho deciso di lasciarlo completamente perché stavamo perdendo e stava facendo bene quel lavoro», a battere il rigore andando perfettamente a segno: è 1 a 1.
Il Monopoli rimane in possesso palla, ma al 30’ è nuovamente Masini a siglare la sua doppietta, determinando il decisivo 2 a 1, ma soprattutto la prima sconfitta al “Veneziani” per la squadra biancoverde.
Il match prosegue ed al 32’ giunge il clamoroso cartellino rosso per il barese Strambelli, a cui seguirà anche quello di Allegrini: «Spero non arbitri più un arbitro del genere, una partita bella come si stava vedendo, anche di categoria superiore -  tuona De Luca nei commenti post-gara, evidenziando come - la partita l’avevamo studiata nel migliore dei modi, come stava andando – asserisce - dispiace per gli errori commessi dei due goal subiti e per come è andato un po’ tutto il discorso dell’arbitraggio».
«È successo che l’assistente ha preso la decisione di mandare fuori un nostro giocatore – spiega l’allenatore biancoverde - ma nasce tutto dal fatto che l’arbitro e l’assistente sotto la panchina non hanno capito niente – ribadisce – per tutta la partita. Una gestione sbagliata. Noi abbiamo preso due goal per nostre disattenzioni, però avevamo pareggiato la partita. Sull’1 a 1, l’avevamo messa sui canali nostri, stavamo giocando una grande partita: abbiamo giocato. Il match è finito in questo modo, ma mi dispiace che si poteva perdere in modo diverso senza centrasse niente il discorso arbitrale e avere tutta la squadra a disposizione per la partita successiva. Perché io sto pensando già a quello – commenta - Una volta che l’arbitro ha fischiato, le decisioni sono quelle. Sto pensando a Pomigliano, anche perché è andato a vincere 3 a 2 a Grottaglie; non ha vinto nessuno delle squadre di sopra, tranne l’Ischia che non so neanche come abbia vinto la partita, per come stavamo giocando – afferma sbigottito - Però due goal vanno a demerito nostro. Abbiamo fatto due errori stupidi che potevamo evitare, però poi le partite durano novanta minuti e fino alla fine non avremmo mai perso».
Di tutt’altro parere, Mister Carlo Tebi: «Sapevamo di affrontare un Monopoli in salute, che ha fatto una rimonta soffiando il girone di ritorno, molto forte, che era una delle poche squadre che non ha mai perso in casa. Da noi vinse, pur giocando molto bene – commenta - Quando le partite sono delicate, ci sono sempre dei piccoli equilibri, dei piccoli episodi che li rovinano. Io non commento l’arbitro, però una cosa vi posso assicurare: non mi spiego tutto il nervosismo che avevano molti giocatori del Monopoli. L’11 (Anibal Montaldi, ndr) ha istigato il nostro capitano (Giuseppe Mattera, ndr) dall’inizio della partita, però fa parte del gioco. Poi l’arbitro ha preso queste decisioni, perché ha visto delle situazioni poco piacevoli. A me dispiace per il Monopoli che poi ne subirà le conseguenze, a parte oggi, ma per le partite future – tuttavia, spiega - ha fatto una buona partita, ma noi abbiamo fatto la partita che abbiamo preparato in settimana. Questa era la partita che volevamo fare a Monopoli – prosegue - perché in questo momento abbiamo delle difficoltà, infortuni di giocatori importanti o giocatori non in condizione di giocare. Questa partita, l’abbiamo fatta con le ripartenze – perciò - faccio i complimenti ai miei giocatori perché l’hanno interpretata molto bene e quando siamo ripartiti abbiamo fatto male. Il Monopoli ha avuto la supremazia del possesso palla – conclude - però nel calcio vince chi fa goal: ha fatto goal solo su rigore, che se non riceveva, difficilmente andava a segno oggi». 

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

 

Parole chiave: monopoli, ischia, monospolis

 






 

Non sono presenti commenti

 

 

 

 

giovedì 27 aprile 2017

Abbigliamento per lo sport e il tempo libero Selleria "Prestige"
Abbigliamento e articoli per l’equitazione e per il tempo libero
Spazio promozionale
Assistenza Aiuto
Powered by Gosystem