Prima Pagina Politica| Cronaca| AttualitÓ| Cultura e spettacolo| Sport| Rubriche| Eventi e appuntamenti| Media|
Reportage e inchieste
domenica, 27 gennaio 2013 ore 00:00
Porto Verde negato ai bagnanti

 

È stato chiuso, con cemento armato, l’unico passaggio pedonale

 

Monopoli – Il nostro lettore F. A., lo scorso 25 gennaio, ci ha inviato una foto con il seguente messaggio:

«Gent. ma Redazione,

vorrei portare alla vostra attenzione quanto da me notato stamane presso Porto Verde. Come si può notare dalla foto, oltre al cartello che era già presente da qualche tempo, è stato completamente chiuso con del cemento l'accesso al mare. Mi chiedo se tutto questo sia possibile in un'area che suppongo sia demaniale. A questo punto non è più possibile l'accesso alla splendida caletta di Porto Verde, una delle ultime spiagge libere del litorale monopolitano. Spero che attraverso i vostri mezzi possiate segnalare l'accaduto, in modo da fare chiarezza. Vi ringrazio, cordiali saluti da un frequentatore abituale dei luoghi di cui sopra».
 

La nostra redazione aveva preferito non pubblicare subito questa richiesta, in quanto ci eravamo preposti di andare lunedì 28 a sentire i tecnici dell’Ufficio Tecnico di via Isplues, per capire lo stato di quest’area, ma, poche ore fa, a fornire la risposta, è stato l’autorevole architetto Angelo Papio, attraverso il social network di Facebook.

«Che tristezza! Che spreco di futuro!
Per decenni questa fascia di terreno adiacente al demanio è rimasta sul mercato a disposizione di Amministrazioni sempre più distratte e disinteressate.
Oggi, che un altro privato, molto più "motivato" del precedente, ne è entrato in possesso, questo suolo è diventato off-limits. Di fatto, per raggiungere la caletta di Porto Verde, bisognerà partire da Porto Rosso o da Porto Paradiso, sempre che i gestori di quest'ultimo lido attrezzato o quelli del lido "Perla Nera" lo consentano...
Sarebbe interessante scoprire chi ha chiuso quel varco, lasciato volutamente aperto durante i lavori per la realizzazione del percorso ciclo-pedonale, proprio per consentirne l'antica utilizzazione collettiva. Sì, perché quel muro è stato realizzato su suolo pubblico e non si capisce con quale diritto o autorizzazione lo ha realizzato il privato confinante, ovvero con quale logica se, ancora peggio, lo avesse chiuso il Comune stesso
».

Che aggiungere a questi commenti:

“Anche Porto Verde è diventata privato?” “Come si ottengono le aree demaniali?”, “Forse sul portale di “E-bay”!!!”, “Toglierci pure questo NO!!!”.

 

Ora si spera che i nostri Amministratori facciano luce sulla realizzazione di questo muretto.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

 

Parole chiave: monopoli, mare, pedonale, muretto, accesso, bagnanti

 






 

08.02.13 | 20:44

Che bello quando andrò a votare, mi ricorderò di tutte le cose belle fatte da questi giovani amministratori..

di attila attila

 

 

 

 

 

lunedì 22 maggio 2017

Abbigliamento per lo sport e il tempo libero Selleria "Prestige"
Abbigliamento e articoli per l’equitazione e per il tempo libero
Spazio promozionale
Assistenza Aiuto
Powered by Gosystem